Knowledge

6 febbraio 2024 Condividi

Food food policy spreco alimentare

Food policy. Tre nuovi HUB di quartiere contro lo spreco in città, nel 2023 recuperate oltre 615 tonnellate di cibo

A Palazzo Marino, in occasione della Giornata nazionale di prevenzione contro lo spreco alimentare, presentate le nuove azioni per il potenziamento dei punti di raccolta e il nuovo coinvolgimento dei mercati della città.

 

Milano, 5 febbraio 2024 – Continua l’impegno dell’Amministrazione nella lotta allo spreco: in occasione della Giornata nazionale di prevenzione contro lo Spreco alimentare, che si celebra oggi, la vicesindaco con delega alla Food Policy e all’Agricoltura Anna Scavuzzo ha presentato le iniziative realizzate in sinergia con i partner della città dopo la vittoria della prima edizione dell’Earthshot Prize 2021, prestigioso riconoscimento internazionale dedicato alle migliori soluzioni per proteggere l’ambiente.
Un insieme di azioni che sono il frutto di un anno di lavoro corale che ha coinvolto 36 enti del settore e 12 partner tra soggetti pubblici e privati, enti di ricerca e imprese in workshop, confronti, analisi di bisogni e tavoli di co-progettazione.

Prosegue l’impegno dell’Amministrazione e della Città di Milano – ha detto la vicesindaco con delega alla Food Policy Anna Scavuzzoper il contrasto agli sprechi e alla povertà alimentare, un duplice obiettivo che si raggiunge con un’azione sinergica che vede negli hub di quartiere una risposta molto concreta: lo slancio che ci ha dato l’Earthshot Prize ci ha permesso di investire risorse e co-progettare come utilizzarle insieme ai tanti soggetti attivi sui tavoli della Food Policy. Ancora una volta un bel lavoro di squadra che consolida a Milano un dispositivo di aiuto alimentare di grande efficacia“.

Per la Console Generale britannica a Milano, Catriona Graham, “come evidenziato dall’assegnazione dell’Earthsot Prize, la Food Policy di Milano continua a dimostrarsi all’avanguardia. Ci auguriamo che questa partnership aiuti la Città a promuovere l’impatto del suo lavoro per ridurre gli sprechi alimentari: una sfida critica condivisa da tutto il nostro pianeta”.

Con l’obiettivo, quindi, di ridurre lo spreco di cibo e innovare sempre più le modalità di recupero degli alimenti da destinare ai più fragili, a Milano nasceranno, entro il 2024, tre nuovi Hub di quartiere contro lo spreco alimentare: si tratta del Food Hub Cuccagna (Municipio 4), dell’Hub Selinunte (Municipio 7) e dell’Hub diffuso (Municipio 2), che si aggiungono a quelli già attivi in città (Hub Isola, Municipio 9; Hub Lambrate, Municipio 3; Hub Centro, Municipio 1; Hub Gallaratese, Municipio 8 e infine l’Hub Foody Zero Sprechi, nato all’interno del Mercato Ortofrutticolo di Milano).

L’esperienza degli Hub di quartiere – avviata nel 2019 dal Comune di Milano insieme a Fondazione Cariplo, Programma QuBì, Assolombarda e Politecnico di Milano per incentivare il recupero e la redistribuzione delle eccedenze alimentari con una rete territoriale di soggetti del Terzo settore, che a loro volta destinano il cibo a persone e famiglie in difficoltà – continua a crescere, portando così da cinque a otto i centri di raccolta e stoccaggio del cibo proveniente da diversi punti vendita di esercenti e grande distribuzione.

L’ampiamento della rete di Hub di quartiere per la lotta contro lo spreco alimentare a vantaggio dei cittadini più fragili è un risultato importante per Milano che dimostra un impegno costante e congiunto della Fondazione Cariplo, in sinergia con il Comune e tutti gli attori del sistema alimentare cittadino. Il modello Food Policy di Milano, volto a connettere e valorizzare le competenze, rappresenta un punto di riferimento a livello internazionale come dimostrano i tanti riconoscimenti ricevuti in questi anni, non ultimo l’Earthshot Prize“, ha spiegato Carlo Mango, direttore area Ricerca di Fondazione Cariplo.

Il Rapporto dell’Osservatorio Waste Watcher International mostra come il valore di cibo complessivamente sprecato in Italia è di oltre 13 miliardi di euro all’anno. Valori in continua crescita, che mostrano quanto siano importanti, a livello di tenuta sociale, di attenzione alla sostenibilità e cura per le famiglie più deboli, iniziative come ‘Zero Sprechi’ e gli Hub di quartiere che Assolombarda, insieme a Politecnico, Comune di Milano e Fondazione Cariplo, ha messo in campo ormai da diversi anni – ha detto Adriana Pontecorvo, Vicepresidente Gruppo Alimentazione di Assolombarda -. Una funzione sociale ancora più centrale in questi ultimi mesi.  La nostra è una iniziativa che ogni anno si arricchisce, oltre che di nuovi centri per il recupero e la redistribuzione di eccedenze alimentari, anche di una forte spinta all’innovazione, con una sempre più precisa mappatura delle eccedenze e un sempre maggior numero di imprese che aderiscono a questo virtuoso esempio di collaborazione pubblico-privata. Il marchio ‘Zero Sprechi Hub’, realizzato pro bono dall’agenzia Armando Testa, valorizzerà, sempre di più, l’impegno dei donatori di eccedenze e dei tanti sostenitori del progetto“.

L’alleanza anti-spreco si allarga anche grazie ad un maggiore coinvolgimento dei mercati comunali in cui si punta a raccogliere circa 200 Kg di eccedenze di fresco al giorno in 20 mercati cittadini, un lavoro che si aggiunge a quello portato avanti all’interno dell’Hub Foody Zero Sprechi. L’iniziativa vede come capofila Eco delle Città APS, Associazione Banco Alimentare della Lombardia ‘Danilo Fossati’ ODV, Magma s.r.l Impresa sociale, Recup APS, Comunità nuova onlus, Fondazione Arché e Caritas Ambrosiana.

Contribuire alla riduzione dello spreco alimentare resta fra gli obiettivi primari di Sogemi. Siamo quindi orgogliosi di sostenere le iniziative della Food Policy di Milano, quest’anno con il recupero di oltre 401 tonnellate di cibo per i pasti di circa 10.600 persone. Un risultato ottenuto grazie alla preziosa collaborazione e all’impegno di produttori e grossisti e degli enti che effettuano la raccolta. Il Mercato Agroalimentare di Milano rappresenta un nodo strategico per il sistema alimentare milanese e per l’intera filiera, è pertanto fondamentale continuare a supportare progetti e azioni di solidarietà e sostenibilità alimentare”, ha aggiunto Cesare Ferrero, Presidente Sogemi, Mercato Agroalimentare di Milano.

Infine, l’intera gestione degli Hub di quartiere verrà migliorata attraverso la digitalizzazione della filiera che permetterà di avere una migliore mappatura delle eccedenze e delle risorse disponibili e una logistica condivisa e integrata capace di ottimizzare il sistema di stoccaggio, raccolta e distribuzione, e di ridurre infineanche l’impatto ambientale.

 

I numeri

Sono oltre 615 le tonnellate di cibo recuperate nel solo 2023, di cui 574 tonnellate dai cinque Hub di Quartiere ad oggi attivi a Milano, a cui si aggiungono 41 tonnellate da mercati scoperti. Centinaia di migliaia di eccedenze che sono state redistribuite tra circa 27.000 persone fragili, equivalenti a circa 1.230.000 pasti.

Nell’ultimo anno la rete degli Hub di Quartiere ha permesso di aumentare la quantità di eccedenze ridistribuite, garantendo cibo fresco e secco ad un numero sempre maggiore di persone in stato di bisogno nella città di Milano. Come partner scientifico dell’iniziativa, in questo nuovo anno lavoreremo per potenziare e innovare il sistema, integrando nuovi partner, risorse e servizi, e monitorandone gli impatti“, ha dichiarato Raffaella Cagliano, Direttore del Dipartimento di Ingegneria Gestionale della School of Management del Politecnico di Milano.

Il nostro operato sul territorio si concentra su tre povertà: energetica, educativa e alimentare, a sostegno di una Transizione Giusta. Perseguendo tale scopo, abbiamo voluto rispondere prontamente e attivamente al processo di co-progettazione promosso dal Comune di Milano per il rilancio degli Hub di quartiere – ha commentato Angela Melodia, Responsabile Sviluppo e Innovazione e dei Progetti di Riqualificazione Sociale e Culturale di Fondazione Snam ETS -. Siamo convinti che sia fondamentale procedere con interventi sociali e iniziative inclusive nei confronti dei beneficiari finali, le persone vulnerabili, ponendo le nostre risorse e le nostre competenze a servizio degli attori della rete e dei partner coinvolti, con i quali desideriamo fare sistema in un’ottica di continua innovazione, con l’obiettivo comune di generare sempre di più un impatto sociale positivo“.

 

I soggetti coinvolti nei nuovi Hub di quartiere
I tre Hub di quartiere che saranno attivi entro il 2024 seguono un modello ormai consolidato di partnership pubblico-privato che vede coinvolti numerosi attori. In particolare:
– il Food Hub Cuccagna ha come capofila del progetto l’Associazione Consorzio Cantiere Cuccagna Impresa Sociale, a cui si aggiungono Emergency Ong onlus, Recup Associazione di Promozione Sociale, Associazione Economia e Sostenibilità, Associazione Comunità il Gabbiano ODV e Fondazione Acra;
– Hub diffuso vedrà la collaborazione di Comin Coop Soc. di solidarietà, Milano Positiva Aps, Associazione T12 Lab, Parrocchia Santa Maria Assunta in Turro, Terza Settimana Odv, Mutuo Soccorso Milano Aps;
– Hub Selinunte, futuro polo logistico di distribuzione alimentare, sarà infine gestito da Coopi cooperazione internazionale onlus.

I partner degli Hub di Quartiere
Enti sostenitori: Programma QuBi, Fondazione Milan, Banca di Credito Cooperativo di Milano e Fondazione Snam.
Enti gestori: Banco Alimentare della Lombardia, Terre des Homme Italia, Ibva Solidando.
Hub Foody Zero Sprechi: Sogemi, Fondazione Cariplo, Università degli studi di Milano, Banco Alimentare della Lombardia, Recup, Croce Rossa Sud Milano, Eco dalle Città, Caritas Ambrosiana, Croce Rossa italiana Comitato di Milano
Sponsor tecnici: Avis Milano, SoDe social delivery, Armando Testa.
Le insegne coinvolte: Lidl, Esselunga, Carrefour, Coop Lombardia, Il Gigante, Natura sì, Iper La grande i, Unes, Getir, Pam, Erbert, Conad, Glovo, con 37 punti vendita totali.


Tags:
|
|
Condividi

Accreditations, Rankings & Memberships