Knowledge

29 aprile 2021 Condividi

RISIS venture capital

Venture Capital: il primato di Londra

Qual è la distribuzione geografica del Venture Capital (VC) in Europa? Si concentra in poche aree preferenziali o, piuttosto, siamo di fronte ad una crescente dispersione del VC al di fuori delle grandi aree metropolitane?

 

Il Venture Capital è un’importante risorsa finanziaria per la crescita delle start-up innovative, che contribuiscono in modo significativo alla competitività internazionale di un Paese, in quanto motore essenziale di innovazione, creazione di posti di lavoro e sviluppo economico.

Conoscere la distribuzione geografica degli investimenti di VC è quindi utile per capire come si sviluppano gli ecosistemi imprenditoriali in Europa e di conseguenza costituisce uno strumento prezioso nel momento in cui si approcciano politiche di innovazione.

Attraverso l’analisi e l’interpretazione dei dati nel DATASET VICO di RISIS (European Research Infrastructure for Science, technology and Innovation policy Studies) è stato possibile descrivere i modelli di agglomerazione dell’attività di VC a livello regionale, metropolitano e industriale, e dare così una risposta a queste domande.

Lo studio, realizzato da Massimiliano Guerini, Massimo Colombo e Francesca Enrica Tenca della School of Management del Politecnico di Milano, identifica una serie di evidenze chiave.
Il Regno Unito e la Francia sono i mercati più importanti per il VC in termini numerici, mentre i Paesi dell’Europa dell’Est e Israele hanno i tassi di incidenza più elevati (deal VC/PIL). Inoltre, l’attività di VC si concentra per lo più nelle grandi aree metropolitane, con livelli di concentrazione crescenti fra il 2010 e il 2018. In particolare, la città di Londra, che rappresenta di gran lunga il principale hub per le attività di VC, fra il 2010 e il 2018 ha registrato una crescita delle suddette attività pari al +50%, contro un modesto +6% di Parigi (il secondo hub più importante), e un +23% di Tel Aviv (terzo hub in termini di attività di VC). Alcune aree più piccole in termini di attività di VC hanno registrato tassi di crescita considerevolmente elevati tra il 2010 e il 2018, fra queste Budapest (+167%), Milano (+62%) e Tallinn (+124%).

Si rilevano, inoltre, importanti differenze fra i vari settori. Il settore life science mostra una marcata dispersione dell’attività di VC al di fuori dei principali hub, soprattutto in aree caratterizzate da un’importante attività di knowledge creation. Al contrario, nei settori Software, Internet & TLC, e R&D & engineering l’attività di VC si concentra nelle grandi aree metropolitane.

I risultati dello studio hanno implicazioni politiche rilevanti in termini di democratizzazione dell’accesso al VC nelle aree più periferiche e per lo sviluppo dell’imprenditorialità e invitano al dibattito sulla strutturazione della ricerca e delle politiche di innovazione.

 

Per maggiori informazioni:
Policy Brief
https://www.risis2.eu/

Presentazione dello studio (evento online):
30 aprile 2021
ore 14.00-16.00
7th RISIS Policymakers SessionDemocratising access to smart money in EU, evidence form the VICO-DATASET

 


Tags:
|
Condividi

Accreditations, Rankings & Memberships